• Racconti

    Venivamo da dove i bastimenti nascono dalle spiagge

    Capitan Dodèro Una notte bizzarra novelle di Anton Giulio Barrili Nel bel paese di Quinto dove gli uomini nascono marinai, diventano capitani di lungo corso e si riposano armatori, per invecchiar milionarii. Anton Giulio Barrili, (Savona 1836 – Carcare, 1908) è stato un patriota, scrittore e politico italiano. Segretario di Garibaldi al fianco del quale combatté in Trentino nel 1866 e a Mentana, dove fu ferito nel 1867, fu un importante giornalista e scrittore dell’epoca. Di lui Benedetto Croce scriveva: ha uno “stile limpido e scorrevole, senza stento, senza disuguaglianze e insieme accurato e corretto“, aggiungendo che “il difetto radicale, epperò gravissimo, del Barrili è che egli non prende serio…

  • Guide

    Trapani dall’oriente all’occaso, e dall’ostro al settentrione

    GUIDA PER GLI STRANIERI IN TRAPANI CON UN SAGGIO STORICO di G.M.D. FERRO Nel 1825 Giuseppe Maria di Ferro, ultimo di una nobile famiglia, Cavaliere Gerolosomitano, Tenente Colonnello del Regio Esercito e storico, pubblicava questa guida preceduta da un interessante saggio sulla storia di Trapani (da leggere e rileggere). “Δρέπανον”, “Drepanum Urbs Invictissima“, “Drepano”, “Tràpanesch”, “Trapani”, le cui origini affondano nella leggenda. Città originata dalla falce caduta a Cerere mentre sul carro trainato da serpi alati correva per il mondo alla ricerca della figlia rapita dal dio Ade; o ancora  Trapani sorta dalla falce caduta dalle mani di Saturno dopo aver evirato il padre Urano. Per altri ancora, Trapani nacque dall’amore…

  • Guide

    E le donne con gli scarpòz …

    Memorie della Carnia di Angelo Arboit Lo scarpòz è una pappuccia fatta coi ritagli di panno vecchio, per lo più nero e forte, la cui suola pure di panno, vien cucita e ricucita, e addoppiata e trapunta in modo, che possa a lungo resistere senza logorarsi. Ogni donna carnica deve sapersi fare i suoi scarpòz; e qualcheduna ne lavora di elegantissimi. Avvezzo a farti parte delle mie impressioni, parrebbemi dimezzato il piacere d’una mia gita in Carnia, se non lo dividessi con te.Datti quindi la pazienza di leggerne la lunga e particolareggiata descrizione nelle pagine che ti presento come pegno della nostra amicizia.Tu sai qual pensiero mi movesse a visitar…

  • Esplorazioni

    1907 – Pechino-Parigi in 60 giorni

    La Metà del Mondo vista da un’automobile – di Luigi Barzini Tutto è cinto da muri in Cina: l’Impero, le città, i templi, le case. L’ideale della vita cinese è una tranquilla prigionia. Uno dei più grandi giornalisti italiani, racconta l’impresa del Raid Pechino-Parigi su un’auto Itala 35/45 HP come inviato del Corriere della Sera in viaggio con il Principe Scipione Borghese ed il meccanico e autista Ettore Guizzardi. Ma il racconto di Barzini è molto di più che la cronaca di un’incredibile avventura; con umorismo e sapienza ci descrive i popoli, il sapore del fango ed il silenzio del deserto, le montagne e le città, ma si sofferma specialmente…

  • Guide

    In wagon, nella storia

    Da Napoli a Roma di Alexandre Dumas Se nel giungere alla ferrovia, la cui stazione dà sul corso Garibaldi, v’avvedete d’esser giunto un quarto d’ora prima della partenza, ed invece di starvene in uno de’ saloni, sempre noiosissimi per quanto riccamente addobbati, preferite far una piccola escursione storica nel decimoterzo, decimoquinto e decimottavo secolo, inclinate a sinistra, avviatevi per la porta della Marinella, fate cinquanta passi in una piazza che vi sembrerà a prima vista senza sbocco e vi troverete rimpetto alla chiesa di Santa Maria del Carmine, ove furono ….. Così inizia questo viaggio nelle storie e nella storia: Masaniello, Sanfelice, Corradino, Garibaldi, Ferdinando II, Annibale, Spartaco, Murat, Tristany…

  • Esplorazioni

    Sulla Montagna di ghiaccio

    LA SPEDIZIONE DI S.A.R.il Principe Luigi Amedeo di SavoiaDUCA DEGLI ABRUZZIAL MONTE SANT’ELIA(ALASKA) Filippo De Filippi “C’è una grande quiete nel pomeriggio luminoso. Il ghiacciaio mormora col fruscio dei piccoli rigagnoli che colano nelle crepaccie, echeggia per il colpo secco di qualche sasso che cade dai seracchi. Si sente come una vita nascosta, una disgregazione, uno sconvolgimento lento, ma continuo, mentre l’occhio non trova che immobilità nella grande massa rappresa, e nulla rivela lo sforzo enorme dei milioni di tonnellate di ghiaccio che lentamente scendono al basso. Il ghiacciaio è tutto coperto di neve; agli orli, i seracchi, sporchi di detriti, formano una linea scura che accenna a morene marginali.”…

  • Esplorazioni

    Vento e neve, neve e vento

    In Alto di Paolo Lioy In viaggio in alto, e poi? “Ma qui si è muti con tutto il mondo. Si è soli, soli!“ Penso non esista altro libro come questo. Paolo Lioy, ti prende per mano, e ti conduce “In Alto” passando per prati e boschi, paesi e rifugi, torrenti e laghi, neve e ghiacciai. E camminando incontri fiori, piante e alberi, insetti, uccelli, marmotte e camosci, uomini e donne, alpinisti e guide. “Che altezze sono poi queste del Cervino, del Rosa, del Pelmo, dell’Antelao, del Cervino, del Gran Paradiso, del Monte Bianco?” “Attenti quando il cielo diventa plumbeo quando il freddo si fa più intenso , quando si…

  • Esplorazioni

    Ricordi di viaggio di una donna dell’800

    Lagune, Monti e Caverne Ricordi dei miei viaggi Aurelia Folliero de Luna in Cimino Le meraviglie del mare, che Figuier descrive con tanta eloquente ammirazione, i ghiacci eterni, le cime inaccesse del monti più eccelsi, le vergini foreste del nuovo mondo, come i deserti sconfinati e i campi fiammiferi di Baku , spaventoso campo di morte pel misero viaggiatore, descritti da penne poetiche e veridiche, invogliarono non pochi ai viaggi perigliosi e fornirono argomento e pagine ammirabili alla letteratura descrittiva. Un piccolo libro; racconti di viaggio di una napoletana di origine spagnola, ben inserita nel mondo culturale dell’800, Venezia e da Napoli in ferrovia a Castellamare, Foggia, Bari e poi…

  • Esplorazioni

    Piccozza, fune e ramponi

    Dalla vita di un alpinista di Julius Kugy Dal Tricorno e il Jôf del Montasio nelle Alpi Giulie, dal Cristallo, alla Cima Lavaredo, all’Antelao ed al Sorapis nelle Dolomiti, dal Monte Rosa al Monte Bianco, dal Cervino al Gran Paradiso, dal Monviso al Delfinato. E poi mille cime, ghiacciai e creste. La vita di un alpinista …. Imparai a conoscere solo molto più tardi tutte queste comodità dell’alpinista moderno. Per molto tempo non conobbi le scarpe da roccia; sui lastroni ci levavamo semplicemente le calze e le scarpe e s’andava scalzi. Non conoscevo i ramponi a cerniera, ma portavo i ferri pesanti a lunghi rebbi, tutti d’un pezzo, degli spaccalegna,…

  • Esplorazioni

    Nel Mare Artico 1899 – 1900

    LA “STELLA POLARE” NEL MARE ARTICO — 1899-1900 — S. A. R. Luigi Amedeo di Savoia, Duca degli AbruzziU. Cagni – A. Cavalli Molinelli Poco più tardi ci trovavamo in mezzo alle pressioni che parevano venire da ogni direzione. Il ghiaccio cigolava da tutte le parti, e si incavalcava, e rumoreggiando ergeva dighe: canali serpeggianti si aprivano e ove altri si richiudevano nuove dighe s’innalzavano. Mai avevo veduto il ghiaccio così vivo, così palpitante, così minaccioso. I cani intimoriti guaivano e si arrestavano; noi li spingevamo colla voce e affannosamente aiutavamo or una slitta or l’altra. Finalmente raggiungemmo le guide che si erano fermate su di una piccola spianata di…