Assaporare

O rraù.
‘O rraù ca me piace a me 
m’ ‘o ffaceva sulo mammà. 
A che m’aggio spusato a te, 
ne parlammo pè ne parlà. 
Io nun sogno difficultuso; 
ma luvàmell”a miezo st’uso. 
Sì, va buono: cumme vuò tu. 
Mò ce avèssem’ appiccecà? 
Tu che dice? Chest’è rraù? 
E io m’a ‘o mmagno pè m’ ‘o mangià… 
M’ ‘a faje dicere na parola? 
Chesta è carne c’ ‘a pummarola.
 Eduardo De Filippo

Gustare un cibo o una bevanda trattenendola in bocca per sentirne a lungo il sapore e rendere più piacevole la sensazione.
Sinonimi: assaggiare, gustare, degustare, sorseggiare, godere.

La grande letteratura ti fa assaporare la vita. Colori, fragranze, passioni, e persino sensazioni tattili e olfattive, se un libro è un buon libro, riescono a oltrepassare il mero piano della parola e arrivare, quasi fisicamente, alle orecchie e al corpo del lettore.

Ma altre volte è la stessa cucina che diventa letteratura e che ci permette di assaporare la vita.

La Bibbia nel Cantico dei Cantici: “Sostenetemi con focacce d’uva passa, rinfrancatemi con le mele, perché io sono malata d’amore

Jorge Luis Borges, dedica versi indimenticabili al vino, bevanda dell’allegria. “In quale regno o secolo e sotto quale tacita congiunzione di astri, in che giorno segreto non segnato dal marmo, nacque la fortunata e singolare idea di inventare l’allegria? Con autunni dorati fu inventata.