• Racconti

    1888 – Turisti per forza

    Alpinisti Ciabattoni di Achille Giovanni Cagna Achille Giovanni Cagna (1847 – 1931), lo scapigliato da Vercelli, il Gadda delle risaie, osannato dal Contini e dimenticato da tutti noi. “Alpinisti ciabattoni” – uno dei pochissimi libri del nostro Ottocento giocato decisamente sul registro umoristico – è ritenuto comunemente il capolavoro di Achille Giovanni Cagna, “scapigliato” piemontese sulla linea “macaronica” che da Faldella giunge a Carlo Emilio Gadda: scrittore estroso armato di un acre gusto espressionista, venne compreso e valutato tardi da critici come Benedetto Croce, Piero Gobetti e Gianfranco Contini, che, nel 1925, ne ripubblicò (per la Piero Gobetti editore) le opere migliori, fra cui “Alpinisti ciabattoni”, “descrizione dei malanni e…

  • Esplorazioni

    Nave Caracciolo: una pirocorvetta in giro per il mondo

    Viaggio di circumnavigazione della Regia Corvetta “Caracciolo” negli anni 1881-82-83-84 Comandante Carlo de Amezaga La pirocorvetta Caracciolo venne riarmata a Napoli il 16 novembre 1881 ed il 27 del mese si trasferì a Pozzuoli, da dove poi salpò il 30 novembre, al comando del capitano di fregata Carlo De Amezaga. Nei tre anni seguenti la Caracciolo compì il giro del mondo, totalizzando 35.374 miglia trascorse in mare (di cui 16.222 di navigazione a vela), con scopi diplomatici, scientifici, addestrativi, commerciali ed idrografici, superando varie difficoltà e toccando spesso località scosse da guerre od epidemie, sperimentando la nuova rotta apertasi grazie al canale di Suez. Toccò Gibilterra, Madera, le isole di…

  • Racconti

    L’aria viva del ghiacciaio si mesce al profumo dei prati

    Alpinismo a quattro mani di Guido Rey e Giovanni Saragat Uno dei primi libri di racconti della storia dell’alpinismo e della montagna scritto dall’alpinista e scrittore Guido Rey e dall’avvocato e giornalista Giovanni Saragat (padre di Giuseppe Saragat, futuro presidente della Repubblica) e pubblicato nel 1898. “Io credetti, e credo, la lotta coll’Alpe utile come il lavoro, nobile come un’arte, bella come una fede” (G.R.) Poesia:È una calma grandiosa: l’aria viva del ghiacciaio si mesce al profumo dei prati, il lieve gorgogliare dei ruscelli al rombo maestoso della valanga che tratto tratto scuote l’aria sonora. Chi ama l’erbe molli e lo spettacolo della natura in quiete, o l’aria vibrata dell’alte…

  • Esplorazioni

    La complessità di ciò che non conosciamo

    Tre protagonisti: Gaetano Casati, Emin Pascià (Isaak Eduard Schnitzer)  e Henry Morton Stanley: un geografo italiano di origine militare, un medico tedesco governatore di una provincia dell’Egitto ed un giornalista britannico esploratore diventato famoso per l’incontro con Livingstone alla ricerca delle sorgenti del Nilo. Dieci anni in Equatoria – vol. 2° di Gaetano Casati Secondo volume di un’opera fondamentale per comprendere la complessità di quegli anni: Equatoria provincia dell’Egitto, la corruzione di uno stato in disfacimento, la rivoluzione islamista Mahadista, lo schiavismo alla fine dei suoi giorni, la follia di una spedizione di soccorso guidata da Stanley e finanziata dagli inglesi, la partecipazione quasi casuale di Gaetano Casati. Vai al…

  • Narrativa

    Prigioniero del paradiso

    Typee Un’avventura nelle isole Marchesi di Herman Melville Un romanzo di avventura che si trasforma in un vero e proprio trattato di antropologia: con leggerezza, mantenendo saldo il ruolo di narratore, Tom si lascia estasiare dalla bellezza dei luoghi, dalla morbidezza della pelle delle fanciulle typee, dai sapori di certi cibi sconosciuti. In una bella traduzione del 1931 di Bice Paretto, Typee: A Peep at Polynesian Life, il primo romanzo di H. Melville scritto nel 1846 poco prima della nascita di Paul Gauguin che nacque il 7 giugno 1848 a Parigi. La scoperta di un Paradiso, del Paradiso dal quale è quasi impossibile fuggire. Il confronto tra la società e…

  • Esplorazioni

    Pel grande Oceano e intorno al globo

    Il terzo viaggio di James Cook di James Cook “Abbiano creduto d’incaricarvi della presente spedizione, nominandovi comandante del primo dei due sopraindicati vascelli, e prescrivendo al capitano Clerke che comanda il secondo, di uniformarsi alle vostre disposizioni. Coi predetti vascelli vi renderete immediatamente al Capo di Buona Speranza, a meno che non trovaste necessario il fermarvi a Madera, alle isole del Capo Verde, o alle Canarie per provvedervi di vino o rinfreschi, nel qual caso il vostro soggiorno ne’ suddetti porti non dovrebb’essere più lungo del bisogno che lo producesse. Giunto al Capo di Buona Speranza imbarcherete sui vostri bastimenti quanti viveri ed acqua vi si potranno contenere, e procurerete…

  • Narrativa

    E mare, mare, mare …

    Sull’Oceano Edmondo De Amicis E la terra non spuntava! “E mare, mare, mare. A momenti c’era da immaginare che fossero scomparse le terre dalla superficie del globo, e che noi navigassimo sull’oceano universale, senz’approdare mai più. Non eran più le acque gialle dei giorni innanzi; ma il cielo bianco, il sole bianco, un mare che pareva un’immensa lastra di piombo, e sul piroscafo tutto quello che si toccava, scottava.” Sull’Oceano, pubblicato nel 1889, è l’unico romanzo italiano che affronti il tema dell’emigrazione, un fenomeno di dimensioni imponenti e di portata storica tale da incidere profondamente, tra Ottocento e Novecento, sulle sorti demografiche ed economiche del nostro paese. Nel marzo 1884…

  • Racconti

    Si danno curiose combinazioni nel mondo …

    Dalla spuma del mare di Salvatore Farina Vediamo: non siete già di quelli che negano il caso? No? bravissimi; il caso ci è, e bisogna fargli di cappello. Ma che cosa è il caso? È il disordine o l’ordine? Voi dite il disordine, perchè lo confondete coll’inaspettato e lo riferite alle facoltà limitate dell’uomo; io dico l’ordine, perchè ci ho pensato su, e lo piglio in sé stesso, e lo riferisco ad una serie di fatti di cui non mi rendo ragione, e lo ammiro nella sua stupenda simmetria. Il lungo racconto “Dalla spuma del mare” che abbiamo digitalizzato da un’edizione del 1876, (pochissimo conosciuto e le cui ultime edizioni,…

  • Narrativa

    Un instant book dell’800..

    La favorita del Mahdi Emilio Salgari Si stropicciò dieci, venti volte gli occhi per accertarsi che era sveglio, che non stravisava e dieci e venti volte si convinse che la donna che aveva dinanzi era proprio l’almea Fathma. I suoi occhi neri e fulgidi come diamanti, la tinta della sua pelle, i capelli fluttuanti che le scendevano sulle spalle come un vellutato mantello, le ammirabili sue braccia, la sua taglia, il suo portamento nobile e altero, tutto infine indicava che quella donna era realmente la favorita dell’inviato di Dio. … se Fathma era così, com’era il Mahdi? Sono potente oggi, sono invincibile, dinanzi a me non ho più nemici capaci…

  • Guide

    E qui il regno della pietra finisce…

    Le Isole della Laguna Veneta Pompeo Molmenti – Dino Mantovani La caduta del Campanile di San Marco (14 luglio 1902) ha privato Venezia non soltanto di un monumento sublime, alla cui figura parevano metter capo tutte le linee della sua prospettiva e tutti gli spiriti della sua storia, ma anche di un meraviglioso punto di veduta, che nessun altro potrebbe sostituire. Dall’altezza della cella campanaria si poteva abbracciare con lo sguardo tutto il panorama della città biancheggiante in mezzo alla sua Laguna, tra le Alpi che sfumano lontane e il mare che si affrena dietro il Lido e Malamocco. Spettacolo di bellezza senza eguali, nel quale Venezia appariva grande, ma…